08/10/12

Le temps des cathédrales


 (bayeux, mulino ad acqua)
 I giorni volano ed è già ora di fare ritorno all'aeroporto, ci rimettiamo in strada e, visto che ci aspetta ancora una tappa a Rouen (le 4 ore di macchina eran troppe e le abbiamo divise in 2 tappe!), decidiamo di includere ancora due cittadine nella nostra visita
Coutances:
 La prima sosta è Coutances, cittadina medievale della regione della Manche, la sosta è davvero breve ma riusciamo ad ammirare la cattedrale di Notre Dame, definita da Victor Hugo la più bella dopo quella di Chartres..
(Coutances, Cathédrale Notre Dame)

Bayeux:
Un centro importante della regione del Calvados, Bayeux è stata la prima città liberata dopo lo sbarco, il centro è grande e consiglio di munirsi di cartina perchè quella sulla lonely era piuttosto approssimativa (strano perchè le altre cittadine le abbiamo girate benissimo con la lonely!)
 (Bayeux, Cathédrale Notre Dame)
La nostra prima tappa è la cattedrale, non ci siamo ancora abituati alla bellezza di questi edifici gotici imponenti, infatti anche questa ci toglie il fiato! Gli archi, le vetrate, la lunga navata e i campanili che salgono su come a raggiungere il cielo.. davvero affascinante!
Facciamo un giretto per le vie, troviamo moltissimi negozi (si capisce che è molto frequentata dai turisti) e faccio una sosta obbligata alla Patisserie "à la reine mathilde" dagli interni deliziosi, con sedie in ferro battuto e tinte pastello, dove assaggio un gigantesco macaron alla fragola (non sono una golosa, ma il tanto chiaccherare sui macaron mi ha incuriosita, devo dire che non è tra i miei dolci preferiti, ma vederli tutti insieme, in fila, colorati è davvero uno spettacolo!)
Ci imbattiamo in un grazioso mulino ad acqua e nel museo del famoso arazzo che racconta l'invasione dell'Inghilterra sui Normanni, ma non entriamo: forse sbagliamo ma non eravamo interessati a vederlo!

Rouen:
Finalmente arriviamo a Rouen, la città è capoluogo dell'Alta Normandia, si affaccia sulla Senna ed è un centro davvero interessante da visitare, ci sono le case a graticcio e i palazzi moderni, la grande e affascinante cattedrale e la moderna piazza del mercato.. gli stili e le epoche si mescolano, ad esempio, uscendo dalle vie principali, si viene catapultati in viuzze di artigiani e artisti davvero interessanti, dall'incisore al liutaio, poi antichità, quadri e molto altro si nasconde nelle strade di Rouen..
(Rouen, Cathédrale Notre Dame)
La cattedrale, un edificio che descrivere bello è davvero limitativo ti lascia senza parole, purtroppo c'erano alcune impalcature per il restauro e non abbiamo una vista intera sulla facciata, ma questo particolare della facciata si ispira alle opere di Monet dedicate alla cattadrale.
All'interno non è da meno, lo spazio diventa infinito e l'atmosfera è suggestiva..
(Rouen, Cathédrale Notre Dame)
Dalla cattedrale si snoda Rue de Gros Horologe fino a Place du Vieux Marchè ed è il centro della città vecchia, pieno di negozi, ristoranti e caffè. Qui si può sfogare la voglia di shopping nelle grandi catene internazionali, ammirare la piramide di macaron di Auzou o fare un giro nella piazza del mercato aperto dove si possono trovare prodotti tipici come formaggi, liquori, pesce e molto altro!
(Rouen, il Gros Horologe)
(Rouen, Rue Damiette, botteghe artigiane e d'antiquariato)
(Auzou)
Siamo giunti alla fine, il tempo di comprare qualche pensierino da portare a casa, spedire cartoline e si parte, direzione Parigi Beuvais dove prendiamo il volo di ritorno.
Adesso che scrivo il mio ultimo post su questo viaggio mi torna tanta nostalgia, restano le foto e il ricordo di posti straordinari.. già non vedo l'ora di ripartire!!

Nessun commento:

Posta un commento

thanks for comment! ❤